Home I contenuti Blog Chè la diritta via era smarrita ...
Chè la diritta via era smarrita ... PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 11 Gennaio 2010 14:12
Nello scrivere questo comunicato vogliamo porre l’attenzione su un concetto fondamentale: troppo spesso l’uomo, nel proprio agire, smarrisce la retta via perdendo di vista i due valori principali che dovrebbero animarlo e cioè “la memoria della propria storia” ed “il buon senso delle proprie affermazioni”.

Ci spiace dover constatare come a questo stato di cose non faccia eccezione il capogruppo del PD, Mauro Paci, con le dichiarazioni rese alla testata Sambenedetto Oggi nell’articolo intitolato “Il PD a CITTA’ ATTIVA: più dialogo con le altre opposizioni”.

Non è nel nostro stile alimentare polemiche. Uno stile, il nostro, caratterizzato da sobrietà, umiltà e decisioni ponderate. Tuttavia dobbiamo considerare che bisogna certamente aver smarrito la memoria della propria storia ed il buon senso per rilasciare affermazioni del tipo “Città Attiva deve chiarire la propria posizione”. E’ stato usato il verbo dovere! Cioè, secondo Mauro Paci, noi avremmo il dovere di spiegare al PD quali sono i nostri intendimenti in merito a come intendiamo condurre il nostro ruolo di opposizione?

Evidentemente è  stato smarrito il lume della ragione...

Un dovere l’abbiamo certamente e lo teniamo sempre davanti a noi come la stella polare che guida il nostro operato: rendere conto delle nostre azioni a chi ci ha permesso di essere dove siamo, a chi ha reso possibile il miracolo di CITTA’ ATTIVA, al nostro ELETTORATO e a chiunque condivida le nostre posizioni, e non alle altre forze politiche. I fatti degli ultimi 12 mesi dicono che non è certo mancata da parte nostra la collaborazione con le altre componenti della minoranza e per quanto ci riguarda riteniamo di essere già una alternativa credibile all’attuale amministrazione, probabilmente la stessa cosa non ritiene per la sua parte il Consigliere Paci.

Si è detto che noi avremmo “un atteggiamento autarchico, autosufficiente e da primi della classe”: niente di più falso e gratuito.

Forse primi della classe lo siamo, ma certamente non in arroganza e superficialità come certi tipi di giudizi vorrebbero far trasparire; noi amiamo primeggiare in umiltà, raziocinio, ponderazione delle scelte, nell’onestà e nell’avere “la testa sulle spalle”.

Per quanto ci riguarda poi non esiste diffidenza precostituita verso alcun partito politico ma al contrario verso tutte quelle persone che hanno avuto modo di amministrare la nostra Città per anni, a nostro avviso in maniera inadeguata, tanto a destra quanto a sinistra, senza eccezioni.

Siamo diffidenti nei confronti di chi, al momento delle elezioni si divide in due liste per ragioni di poltrona. Siamo diffidenti verso coloro che portano avanti una unità di facciata, ma impiegano due anni e mezzo per eleggere un coordinatore. Siamo diffidenti verso coloro che parlano di rinnovamento, pur essendo consapevoli che poi le decisioni vengono prese sempre dagli stessi decani della politica. Siamo diffidenti verso chi continua ad intendere la politica in maniera clientelare, con trame da sottobosco. Siamo diffidenti nei confronti di chi si adopera soltanto per la continuità del potere e non per le reali esigenze dei Cittadini. Chi ci accusa dovrebbe prestare attenzione a non scambiare la nostra coesione ed unità di intenti per “atteggiamento autarchico ed autosufficiente”.

La nostra è e rimane una opposizione alla CATTIVA amministrazione Di Salvatore e non allo schieramento politico di appartenenza, perché riteniamo che le persone contino molto più delle sigle. Ci rendiamo conto, tuttavia, che per chi viene da una militanza politica più o meno lunga tali concetti sono duri da digerire.

Noi non ci definiamo autosufficienti, ma i numeri dicono, e di questo dobbiamo ringraziare soltanto i nostri Elettori, che Città Attiva è la principale forza di minoranza e questo non è un atteggiarsi, questo è un DATO DI FATTO.  
 
Astenersi durante una votazione non significa essere a favore. Noi siamo soliti, perché  così è giusto che sia, ragionare in termini di interesse per la Città e non di colore politico per cui se riteniamo che  un atto vada in questa direzione, ma che si sarebbe potuto operare meglio, proponiamo i nostri rilievi che un’amministrazione avveduta, come non è quella in carica, dovrebbe recepire e non votiamo contro per partito preso.

Sull’operato di Alduino Tommolini quale Presidente della Commissione di Controllo e Garanzia vogliamo dire che non è un mistero che sotto la sua presidenza la Commissione ha lavorato per la prima volta nella sua storia. Non è un mistero che, grazie alle unanimemente riconosciute doti di mediazione e di moderazione del suo presidente, la commissione sia riuscita ad occuparsi di una tematica scottante come quella dei rifiuti ed a produrre un documento finale, una “Relazione Consuntiva”, unanimemente condivisa da tutte le forze politiche di maggioranza e di opposizione, caso unico nella storia politica comunale amministrativa. E di certo l’opera della commissione continuerà nell’analisi della rispondenza dell’azione amministrativa alle linee tracciate dal Consiglio Comunale.

Per quanto riguarda l’operato di Andrea D’Ambrosio, quale rappresentante presso l’Unione dei Comuni, se la memoria non c’inganna, Andrea è stato eletto in seguito alle dimissioni dello stesso Mauro Paci e non ci risulta che il Sig. Paci ci abbia mai fornito un resoconto delle attività da lui svolte presso l’Unione dei Comuni all’epoca del suo mandato.  

Alla luce di tutto questo, di questi fatti perché con la forza dei fatti abbiamo voluto rispondere alle parole proferite nei nostri confronti, non ci sentiamo di accettare lezioni di politica da chi ha già avuto la possibilità di amministrare la nostra Città con i risultati che tutti possono vedere davanti ai propri occhi: anni di scelte sbagliate, di treni persi, di lotte intestine per il potere all’interno delle stesse maggioranze, la riduzione allo stato di decadenza e di ultimo della classe del nostro beneamato Paese.

Viene proprio da dire “da quale pulpito…”.

E questo, tanto per concludere, è un altro dato di fatto incontrovertibile.
 

Il Comitato Esecutivo di Città Attiva
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Autenticazione

Non è necessaria l'autenticazione per inserire i commenti alle pubblicazioni!



Cerca nel sito

Ultimi commenti

Blog casuale

Una cittadina disperata

Caro Paolo,
ti mando questa email, poichè la sera del 13 u.s. al Park Hotel mi sono vergognata di parlare con tutte quelle persone presenti, anche perchè non mi piace lamentarmi dei miei problemi.
Premessa: quella sera prima dell'inizio della serata ascoltavo il discorso di 2 astanti la riunione; il loro problema era decidere che tipo di marciapiede far fare dal Comune o che tipo di betonelle scegliere , in Via Torino "loro sede" ecc......., in quel momento ho provato una certa invidia; mi sono sentita una cittadina di serie " Z ". Poi durante la serata tu hai menzionato che sulla variante non vi è ancora allacciato il gas; ebbene io non abito sulla variante ma bensì in Via Milano " strada della Vecchia Lampada" ripeto Via Milano no Milano, siamo 4 famiglie che da 18 anni aspettano l'allaccio del gas, delle fogne, di 1 lampione e dell'asfalto della strada.

Leggi tutto...

www.martinsicurocittattiva.it

Logo associazione Città Attiva Il sito internet dell'Associazione Città Attiva del Comune di Martinsicuro
"E' bello vivere per il proprio paese, ma è ancora più bello aiutare il proprio paese a vivere" J.F.Kennedy
Associazione Città Attiva - Sede in MARTINSICURO (TE), Via Venezia 27
web:http://www.martinsicurocittattiva.it email:direttivo@martinsicurocittattiva.it sms:3276190017

Visitatori on-line

 69 visitatori online