Home I contenuti Consiglio Attivo Chi ci pensa? La prossima amministrazione…
Chi ci pensa? La prossima amministrazione… PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 13 Ottobre 2011 08:17
Non siamo soltanto preoccupati, cominciamo anche ad averne abbastanza di dover rimarcare continuamente gli errori macroscopici di questa maggioranza e di sopportare il tono di sufficienza con cui si risponde alle interrogazioni presentate sulla base di oneste segnalazioni dei cittadini che, per quanto ci riguarda, meriterebbero maggior rispetto ed attenzione da parte di chi detiene responsabilità amministrative ben precise e delineate.
 
Giovedì scorso abbiamo assistito all’ennesimo Consiglio Comunale che ha messo in mostra il solito teatrino dei veti incrociati e che non passerà certo allo storia come esempio di valore aggiunto per la cittadinanza. L’aspetto più significativo da evidenziare è stata la maggiore presenza di cittadini determinata dall’orario di inizio della seduta decisamente più consono alle esigenze del pubblico
 
Ma procediamo con ordine:
 
1) Art. 193 D. Lgs. 267/2000 – Verifica equilibri di bilancio – Adozione provvedimenti di risanamento.

Alduino Tommolini: ha rimarcato come il lavoro effettuato dal Collegio dei Revisori stia dando i suoi frutti, visto che in questo riequilibrio si è potuto accantonare somme importanti per far fronte alle spese legali che potrebbero sopraggiungere da una eventuale soccombenza nel giudizio intentato da un ex dipendente comunale. Tutto questo – ha detto – può essere considerato il risultato di scelte che accomunano la politica alle società private dove la funzione di sindacato sui bilanci riveste una valenza fondamentale. Ha sollevato la problematica relativa al maggiore stanziamento di 28.000 Euro per la funzione avvocatura, precisando di essere a conoscenza dell’esistenza di forme di incentivo previste dal regolamento, ma di non riuscire a spiegarsi quale possa essere il criterio di questa premialità, visto che l’avvocato civico risulta essere già percettore di stipendio. Sugli 85.000 Euro di maggiori uscite relative al capitolo Publiluce ha preso atto che la metà di questa cifra potesse derivare da alcune situazioni infrastrutturali, ma ha rilevato come il restante 50% fosse riconducibile all’effetto di alcune clausole contrattuali. Ha chiesto, infine, all’assessore al bilancio se la maggioranza considerasse ancora felice e conveniente da un punto di vista economico la scelta di affidare all’esterno il servizio di pubblica illuminazione; all’epoca dell’approvazione in Consiglio Comunale della Convenzione alla base del servizio fu lo stesso consigliere Tommolini ad osservare l’inopportunità della presenza nella stessa di clausole che consentissero al fornitore aumenti fino a circa il 18% annuo delle tariffe applicate, cosa che con tutta probabilità è stata alla base del notevole incremento dei costi nel corso degli anni.
 
Paolo Camaioni: ha premesso come Città Attiva sia preoccupata per il fatto che questa maggioranza sulla stampa continui a parlare di Piano Spiaggia, revisione del PRG, edilizia di qualità e di altre questioni amministrative di ampio respiro nello stesso momento in cui è sotto gli occhi di tutti come due aspetti di rilievo come la delocalizzazione del depuratore e l’apertura della Farmacia Comunale (solo per limitarsi ad un paio di questioni) costituiscano due clamorosi obiettivi mancati a causa del tempo lasciato trascorrere senza averli affrontati con la giusta determinazione. E’ tornato sulla questione degli incentivi riservati all’area avvocatura ricordando come fu proprio Città Attiva nel 2007 a chiedere l’istituzione del legale interno in quanto all’epoca la spesa per il contenzioso si attestava intorno ai 400.000 Euro l’anno. Ebbene, dopo quattro anni, analizzando gli atti amministrativi relativi agli affidamenti esterni, si nota come non vi sia una sostanziale diminuzione di questa uscita in quanto (solo per fare un esempio) anche le cause relative agli incidenti dei pedoni per via della insufficiente manutenzione delle strade cittadine viene affidata a legali esterni. Sugli 85.000 Euro in più assorbiti dalla convenzione con la Publiluce, ha manifestato scetticismo per le giustificazioni fornite dall’assessore al bilancio, in quanto ha potuto verificare con gli uffici che si è trattato del meccanismo compensativo previsto dall’articolo 20 della convenzione ed in base al quale è stato determinato un aumento mensile del canone pari a 4.600 Euro circa per cui, rispetto alla somma complessiva di cui sopra 55.000 Euro sono relativi al periodo GIUGNO 2010 – MAGGIO 2011 ed i rimanenti vanno a coprire gli ultimi sette mesi dell’anno in corso (GIUGNO – DICEMBRE 2011). Ha ricordato come Città Attiva abbia già manifestato tutte le proprie riserve sulla effettiva convenienza della convenzione con Publiluce con propria nota circostanziata del 21 Aprile 2010 che rispondeva allo studio effettuato dal Responsabile dell’Ufficio Lavori Pubblici.
 
Paolo Camaioni: nel secondo intervento ha ricordato al Consigliere delegato al Demanio come la VAS non fosse stata prescritta dagli Uffici Regionali preposti solo per tutelare aspetti faunistici (uccello fratino), ma come vi fosse già agli atti una nota del 2 Febbraio 2011 che sottolineava come una variante come quella approvata (di sicuro impatto sul carico urbanistico dell’arenile) dovesse essere soggetta ad una valutazione anche e soprattutto in relazione ai fenomeni di erosione della costa. Successivamente ha detto di apprezzare le competenze dell’assessore al bilancio relative alle dinamiche normative alla base dei trasferimenti statali agli enti locali, ricordando tuttavia come questo tipo di esposizione del problema sia lontano dal delineare il livello di attuazione del programma amministrativo che pure viene richiesto in sede di approvazione del riequilibrio di bilancio. Risulta evidente come l’azione amministrativa portata avanti sia piuttosto distante dagli obiettivi programmatici fissati da questa maggioranza all’atto del suo insediamento, né può essere ammissibile tirare ancora in ballo il debito Franchi come il solito alibi, in quanto anche a voler ammettere la totale inerzia delle precedenti amministrazioni nel portarlo a soluzione, rimane comunque un problema determinato da alcune persone che ancora oggi siedono in Giunta. Su questo punto Città Attiva ha votato contro.
 
2) Sostituzione componente Architetto della Commissione Urbanistica Comunale.
 
Con 11 voti è risultata eletta l’Architetto Alessandra Di Saverio. Da segnalare le tre preferenze riportate da Renzo Piano, sintomo evidente che nella nostra città servono professionalità, nomi eccellenti ma anche genio creativo. Per il resto si sono registrate 3 schede bianche e 2 nulle.
 
3) Piano Particolareggiato “Madre Teresa di Calcutta” in variante al P.R.G. vigente e adeguamento della viabilità di previsione di Piano – Adozione.
 
Andrea D’Ambrosio: “Siamo consapevoli della necessità di questa variante  per la costruzione di un’opera molto attesa dall’intera comunità e dall’indubbia rilevanza sociale. Le nostre perplessità sono legate, tuttavia, alla viabilità in quanto a guardare il progetto presentato dalla Curia si ha l’impressione che la struttura stia troppo a ridosso della strada. Potrebbero venire fuori problemi in tal senso, in quanto ci troviamo a 10 metri dal ciglio di Via Roma per cui, pur essendo consapevoli della necessità e della bontà di questa variante, rimane il fatto che 10 metri sono pochi. Possiamo essere d’accordo sul fatto che avete valutato bene tutti i criteri, ma adesso come si può rimediare? E’ in previsione la costruzione di un marciapiede? E’ evidente come un’opera di questo tipo vada ad influenzare la viabilità circostante.”  Successivamente ha ricordato l’esempio di Villa Rosa dove si è costruito una Chiesa su di una piazza piuttosto ampia e predisposta con gli spazi giusti da destinare a parcheggio.
 
In considerazione dell’importanza di dotare la città di questa struttura, pur mantenendo vive le nostre perplessità (peraltro neppure mitigate dalle assicurazioni sulla previsione di 1.340 metri quadri di parcheggio), legate anche al tipo di sviluppo che dovrà subire quella zona, con una chiesa circondata da strutture residenziali, abbiamo espresso voto favorevole. Per dovere di cronaca ricordiamo che su questo punto si è registrato il voto favorevole di 17 Consiglieri su 21 in quanto, oltre ai due assenti (Antonini per la minoranza e Tommolini per il versante opposto), i due Consiglieri di FLI sono rimasti fuori dall’aula.
 
4) Approvazione Schema Fondazione Mauro Crocetta - Onlus
 
Paolo Camaioni: Ha detto di essersi documentato sull’opera di Mauro Crocetta, pugliese di nascita ma martinsicurese di adozione e di aver preso atto degli scopi nobili ed ineccepibili con cui si vuole dare vita a questa fondazione, rilevando anche la presenza di persone competenti all’interno del comitato scientifico. Tutto quello che serve ad arricchire la proposta culturale troverà sempre ben disposta la nostra Associazione: tuttavia, in considerazione del fatto che si tratta di una figura giuridica piuttosto atipica cui il nostro Ente deve mettere a disposizione dei locali ed essendo previsto che il sindaco debba far parte del consiglio di amministrazione, ha detto di avere molte riserve sulla effettiva funzionalità futura di questo  strumento.
 
Alduino Tommolini: ha sottolineato, stando a quanto previsto dallo Statuto della Fondazione, come le obbligazioni assunte, soprattutto con riferimento alla concessione dei locali per l’esercizio delle attività, abbiano un carattere perpetuo e questo a prescindere dal fatto che il Socio (in questo caso l’Ente Comunale) abbia la libera facoltà di recesso. Un eventuale recesso porterebbe, anzi, alla situazione paradossale per cui malgrado la non presenza di alcun rappresentante del Comune di Martinsicuro all’interno della Fondazione, il Comune stesso si ritroverebbe in ogni caso a dover adempiere a carattere permanente alle obbligazioni contratte attraverso l’adesione alla Fondazione medesima. Per queste ragioni ha annunciato l’astensione di Città Attiva.
 
5) Interpellanze/Interrogazioni
 
a) Problemi di viabilità Via Abruzzi – Via Marche – Via Molise
 
Enzo Carboni: ha ammesso candidamente che in ogni incrocio ci sono delle difficoltà e che esistono situazioni molto più pericolose rispetto a via Marche (ricordiamo, per dovere di cronaca, che l’istanza oggetto dell’interrogazione era accompagnata da un centinaio di firme). Ha detto di aver disposto un sopralluogo nella zona, escludendo la possibilità di procedere con l’asfaltatura (mancanza di fondi), ma prevedendo la possibilità di impiantare un paio di specchi. Ha riconosciuto che il Piano Urbano del Traffico non è una priorità di questa maggioranza in quanto deve essere preceduto dalla definitiva stesura del PRG. Per questo motivo sarà portato avanti dalla prossima amministrazione.
 
Andrea D’Ambrosio: si è complimentato con l’assessore per la maestria dimostrata nell’aggirare la domanda, dicendo che aveva trovato il modo migliore per non rispondere.
 
b) Prelievi di Goletta Verde - Depuratore
 
Massimo Vagnoni: ha ribadito di essersi attivato per prendere contatti con il Presidente di Legambiente Abruzzo ma di non aver ottenuto risposte né sul punto preciso in cui sono stati effettuati i prelievi né per la richiesta di incontro al quale avrebbero partecipato anche i capigruppo.
 
c) Riprese in streaming
 
Berardo Ferri: ha manifestato tutto il proprio risentimento per il fatto che ad una sua assicurazione verbale risalente ai primi giorni di Giugno, Città Attiva avesse preso carta e penna per ricordargli questa incombenza. Ha precisato di non aver avuto il tempo di convocare l’incontro dei capigruppo per discutere le variazioni al regolamento consiliare in quanto preso da altre questioni più importanti. Ha concluso rimandando alla prossima amministrazione il compito di consentire le riprese in streaming delle sedute consiliari.
 
Paolo Camaioni: ha precisato come risulti piuttosto difficile giustificare una omissione andata avanti per quattro mesi ed ha sottolineato come, di fatto, la domanda di Città Attiva fosse riferita all’effettiva volontà dell’amministrazione di consentire le riprese in streaming, considerando anche che esiste una mozione del Gennaio 2009 presentata dal nostro gruppo in cui il Consiglio Comunale aveva approvato all’unanimità la possibilità di effettuare addirittura le riprese televisive dei Consigli Comunali. 
 
Segue valutazione sintetica delle risposte:
 
a) INCONCLUDENTE
b) FUMOSA
c) IRREALE
 
Potremmo anche sbagliare, ma abbiamo il sentore che da qui in avanti se ne possano vedere delle belle. A nostro avviso, il livello degli argomenti affrontati potrebbe scendere in maniera direttamente proporzionale all’avvicinarsi delle elezioni per cui non ci sentiamo di escludere che, al verificarsi di questa evenienza, il nostro Gruppo Consiliare possa decidere, suo malgrado, di declinare l’invito ad unirsi a questo tipo di commedia.


 
 

Commenti  

 
#1 marco 2011-10-16 18:48
siete ridicoli fate pena
Citazione
 
 
#2 un elettore 2011-10-16 23:13
bene, a quanto pare, qualcuno sta realizzando quale errore ha fatto a permettere di farsi amministrare per altri 5 anni dai soliti noti e rendendosi complice di questa ulteriore frenata dello sviluppo del Paese in cui egli stesso vive.
Non preoccuparti, si può essere anche disponibili a far fare al sito dell' Associazione un'opera di supporto psicologico, capisco il senso di frustazione e il sentire il proprio orgoglio sotto le scarpe...puoi continuare sul livello del tuo ultimo commento, non sarà un granchè costruttivo ma magari ti aiuta a darti l'ennesima giustificazione allo sbaglio fatto e ti fa sentire meglio.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Autenticazione

Non è necessaria l'autenticazione per inserire i commenti alle pubblicazioni!



Cerca nel sito

Ultimi commenti

Blog casuale

Comunicato Stampa
Davvero commovente la tenacia con cui il consigliere Vagnoni si ostina a difendere a mezzo stampa la presunta valenza turistica innovativa delle modifiche al Piano Spiaggia. Stucchevole, poi, come alle minoranze consiliari venga addebitato il fatto di essere sempre contrarie a prescindere.
 
Riteniamo doveroso sottolineare che, proprio i tempi di ristrettezze economiche che sta vivendo il nostro Comune e che vengono presi spesso a pretesto dal consigliere al demanio e dai suoi compagni di cordata per giustificare un immobilismo che dura da 4 anni, dovevano suggerire a questa maggioranza di prendere seriamente in considerazione la possibilità di ottenere un ritorno economico per l’Ente dalla possibilità concessa a chi usufruisce già di ombreggi convenzionati di edificare una struttura fissa, al fine di investire le relative entrate per opere di arredo urbano da realizzare in primis sul nostro lungomare.
 
Leggi tutto...

www.martinsicurocittattiva.it

Logo associazione Città Attiva Il sito internet dell'Associazione Città Attiva del Comune di Martinsicuro
"E' bello vivere per il proprio paese, ma è ancora più bello aiutare il proprio paese a vivere" J.F.Kennedy
Associazione Città Attiva - Sede in MARTINSICURO (TE), Via Venezia 27
web:http://www.martinsicurocittattiva.it email:direttivo@martinsicurocittattiva.it sms:3276190017

Visitatori on-line

 120 visitatori online