Home I contenuti I grandi temi
I grandi temi
Allarme sicurezza - Lettera aperta. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 25 Febbraio 2009 00:32
Scarica la lettera inviata ai ministri Maroni e La Russa, al Prefetto e al Questore di Teramo, Al presidente della Regione Chiodi, al presidente della Provincia D'Agostino e al Sindaco di Martinsicuro Di Salvatore.


 
Porta a porta spinto ... al ribasso PDF Stampa E-mail
Scritto da Paolo Camaioni   
Lunedì 16 Febbraio 2009 16:48
La Delibera di Giunta n. 6 del 4 Febbraio 2009 nella sua volontà di razionalizzare e rendere vincente su tutta la linea il sistema di raccolta dei rifiuti adottato nell’anno di grazia 2003, contiene, a nostro avviso, alcuni elementi di scarsa chiarezza, oltre alle immancabili clausole in favore del soggetto gestore, del tutto inopportune in un momento di estrema sofferenza per le casse comunali.
 
Entrando nello specifico si evidenziano i seguenti appunti:
 
Come ha dichiarato più volte il nostro Gruppo in Consiglio Comunale, nessun contratto a prestazione continuativa, può escludere espressamente il riconoscimento della revisione dei prezzi; tuttavia, non è scritto da nessuna parte che l’eventuale incremento in base alla variazione dell’indice ISTAT debba essere concesso automaticamente, come accade nel caso in esame, ma può e deve costituire l’oggetto di una trattativa tra le parti; atteso che, qualora il nostro Comune non lo accordasse, nessuno avrebbe titolo per strapparsi le vesti, soprattutto alla luce della non eccellente qualità del servizio;
 
Il canone attualmente corrisposto alla Poliservice, come è possibile desumere dal dispositivo della delibera, è comprensivo anche di eventuali variazioni della fornitura delle attrezzature fisse e dei sacchi, sia per l’aumento della popolazione, che per la buona funzionalità del servizio fino alla quantità massima del 3% in più rispetto a quelle previste nelle tabelle 2 e 3 del progetto allegato. Orbene, nelle predette tabelle il numero della popolazione residente è pari a 16.993, mentre il numero degli esercizi pubblici è pari a 138. Non occorre un ingegnere cibernetico per rendersi conto che un incremento superiore al 3% nella popolazione (520 abitanti) possa essere dietro l’angolo; mentre il numero degli esercizi pubblici è destinato ad aumentare a breve di 20 unità (14,5%) per effetto della delibera adottata nel Consiglio Comunale del 23 Gennaio 2009 (Città Attiva ha votato contro); ragion per cui, risultano sufficienti questi due presupposti ad indurre la Poliservice a richiedere un ulteriore adeguamento del corrispettivo;
 
Gli accordi di programma - Lettera aperta PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 03 Giugno 2008 07:55
Pubblichiamo una lettera aperta pervenutaci a mezzo e-mail:

La relazione del governatore della Banca d’Italia, sintetizza, ancora una volta, i problemi che deve risolvere l’Italia per non essere più la cenerentola d’Europa, ma soprattutto per non continuare a mortificare i suoi cittadini, in particolare giovani e donne.
Un’analisi molto importante e stimolante per i nostri politici nazionali, specie quando si parla di federalismo fiscale.
E’ evidente che qualcosa deve cambiare. E’ diventato inderogabile.
Non si sopportano più, la “casta”, lo sperpero di denaro pubblico, il nepotismo, i fannulloni “pubblici”, gli evasori delle tasse, la microcriminalità; in poche parole il mal costume che caratterizza la nostra società.
Facile criticare! Non è così.
 
Proposta: il bilancio partecipativo PDF Stampa E-mail
Scritto da Guido   
Domenica 24 Febbraio 2008 23:06
Così vicini, eppure così lontani!

Esistono delle realtà, delle iniziative, delle opportunità che si riescono ad apprezzare solo se si condividono con la gente. La “gente” siamo noi. Siamo noi che non avendo il tempo per curare gli interessi della collettività, “deleghiamo” affinché ciò venga fatto. Chi si dedica all’amministrazione del proprio paese è sicuramente da ammirare per lo spirito e la dedizione che profonde nello svolgimento del proprio mandato.
 
Ma noi l'avevamo scritto... PDF Stampa E-mail
Scritto da Paolo Camaioni   
Mercoledì 23 Aprile 2008 22:29
In questi giorni tutta la Città si interroga, tradendo un profondo senso di inquietudine, sulla opportunità e la convenienza di erigere, nella porzione settentrionale del nostro arenile, quel vituperio architettonico definito "box per la piccola pesca". E' palpabile lo sconcerto di tutti i Cittadini al cospetto di una costruzione che, oltre a negare la possibilità di contemplare la distesa azzurra che costituisce il nostro principale valore aggiunto, offende in maniera violenta i canoni più elementari dell'estetica; i più cominciano anche a chiedersi a chi gioverà, dal momento che anche gli addetti alla pesca costiera sembrano nutrire più di una riserva sulla sua effettiva utilità, in ragione della incomprensibile esiguità dei singoli ambienti.




Città Attiva, in linea con la vista lunga che costituisce il tratto distintivo del proprio operato, aveva analizzato nel corso di un Consiglio Direttivo dello scorso Novembre le perplessità generate dalla costruzione del manufatto in questione.
Il 26 Gennaio scorso, il nostro Gruppo Consigliare ha predisposto una mozione di indirizzo letta nel corso del Consiglio Comunale tenutosi 5 giorni dopo.
Le risposte dell'esecutivo sono state aderenti con lo schema procedurale adottato all'epoca dell'insediamento, ovvero evasive, dilatorie e, soprattutto, velate da un senso di ineluttabilità che non si concilia con lo spirito di chi dovrebbe finalizzare le proprie capacità ed il proprio lavoro al miglioramento continuo del territorio dove vivono le persone che gli hanno conferito una delega amministrativa.
Nella gestione di quest'opera, l'attuale governo cittadino sta continuando a fornire la prova della mancanza di programmazione che lo caratterizza, ereditata a piene mani dal precedente (cui vanno ascritti importanti addebiti nel caso di specie), senza versare neppure il tributo di successione.
La nostra battaglia non si esaurisce qui!
 
Prima serata a tema: Turismo PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 07 Marzo 2008 18:54

Si è svolta ieri 29 Marzo 2007 presso l'Hotel Villa Truentum in Martinsicuro la prima Assemblea a tema organizzata da Città Attiva.
Alla presenza di circa 150 tra associati e simpatizzanti e con la partecipazione della stampa locale, ha aperto i lavori il Leader del movimento civico Paolo Camaioni che ha esposto chiaramente gli obiettivi di questi incontri dove saranno analizzati i diversi aspetti dei grandi temi di discussione. Argomento della serata il Turismo.

 


Autenticazione

Non è necessaria l'autenticazione per inserire i commenti alle pubblicazioni!



Cerca nel sito

Ultimi commenti

Blog casuale

... e zanzare
Gentilissimo sig. Paolo,
sono più che lieta di avere modo di poter parlare con lei perchè, a quanto deduco dalle sue parole, è una persona semplice e onesta come me. Mi rendo conto che ci sono forse problemi più gravi di quello da me sollevato da affrontare ma le garantisco che il mio non vuole essere solo uno sfogo o un'inutile lamentela. Come le dicevo la qualità della vita si è abbassata ed io non ne faccio una colpa all'uno o all'altro.
Leggi tutto...

www.martinsicurocittattiva.it

Logo associazione Città Attiva Il sito internet dell'Associazione Città Attiva del Comune di Martinsicuro
"E' bello vivere per il proprio paese, ma è ancora più bello aiutare il proprio paese a vivere" J.F.Kennedy
Associazione Città Attiva - Sede in MARTINSICURO (TE), Via Venezia 27
web:http://www.martinsicurocittattiva.it email:direttivo@martinsicurocittattiva.it sms:3276190017

Visitatori on-line

 116 visitatori online