Nel Consiglio Comunale di venerdì 11 Agosto si discuteva di assestamento di bilancio, aspetto a prima vista tecnico ma che implicava diverse scelte politiche operate dalla nuova amministrazione comunale. Oggetto del contendere la somma di 598.075 Euro che costituisce quota parte di 1,3 milioni di Euro incassati dal Comune di Martinsicuro proprio nella fase finale del nostro mandato.
Tolti 404.695 Euro, destinati a spese non rinviabili (debito Franchi, registrazione sentenza Flajani e maggiori costi per l’energia elettrica), rimanevano da impegnare 193.380 Euro che hanno avuto la seguente destinazione:€ 10.000 – Pulizia della Sede Comunale;

€ 50.000 – Pulizia fossi e canali
€ 50.000 – Manutenzione verde pubblico
€ 50.000 – Manutenzione edifici scolastici
€ 4.880 – Omologa Campo Sportivo
€ 3.000 – Impianto audio Sala Consiliare
€ 7.000 – Fuochi pirotecnici
Nei nostri interventi, abbiamo evidenziato la valenza tutt’altro che positiva di questo provvedimento, in primo luogo per la questione Scuole. Il Capogruppo Andrea D’Ambrosio, infatti, ha evidenziato subito che 50.000 Euro, in una situazione come la nostra, rappresentano una cifra assolutamente insufficiente, sintomo di una vistosa disattenzione verso questa problematica. Cosa ancor più grave il fatto che a fronte degli 81.000 Euro da noi impegnati sulla progettazione per le verifiche di vulnerabilità, ne hanno lasciati solo 25.000; questo, ovviamente, pur ammettendo la necessità di procedere ai lavori di manutenzione del verde e di pulizia dei fossi: ma in questo momento storico, mettere in secondo piano la Scuola non è concepibile. Il Capogruppo Paolo Camaioni ha ricordato come sia molto più facile il lavoro di programmazione oggi con queste risorse a disposizione, piuttosto che all’inizio del nostro mandato, con l’avvento dell’IMU, del fondo di riequilibrio e della pesante eredità passiva relativa al debito Flajani: ha ricordato che la nostra amministrazione, per la pulizia dei fossi, si è sempre avvalsa di risorse sovracomunali, frutto un incessante lavoro con la Regione ed i consorzi ed ha invitato gli attuali amministratori a procedere nella stessa direzione, evitando il ricorso ai fondi di bilancio. Ha anche sottolineato l’inutile ripetizione della spesa per l’omologa del Campo Sportivo, in quanto la somma di 4.880 Euro è stata già impegnata dal Responsabile dei Lavori Pubblici con determina n. 553 del 30 Dicembre 2016. Anche il Capogruppo Massimo Corsi ha speso parole molto critiche verso questa manovra in quanto frammentata su troppi aspetti amministrativi, quando invece si dovrebbe portare avanti un solo progetto in maniera univoca senza disperdere soldi in mille rivoli. Ha parlato anche della necessità di coinvolgere subito la cittadinanza per una decisione più larga possibile sulla destinazione di queste somme ed ha sottolineato la scarsa correttezza della procedura per la destinazione del contributo di 7.000 Euro della Poliservice per i fuochi d’artificio, alla luce del fatto che quella somma era destinata ad un progetto informativo sull’ambiente che avrebbe interessato anche la scuola Blu.
Davvero goffo, infine, il tentativo della maggioranza di imputare alla nostra gestione la somma necessaria a coprire una maggiore spesa per l’energia elettrica do circa 160.000 Euro sostenuta nel 2016, facendo finta di non sapere che la Giunta deve preoccuparsi di programmare l’attività amministrativa, ma che poi la sua concreta applicazione spetta ai funzionari. E’ proprio per salvaguardare alcuni di loro che andremo ad effettuare le opportune verifiche per individuare chi non ha prestato la necessaria attenzione nella gestione di queste uscite. Allo stesso modo, i principali esponenti della maggioranza si sono avventurati in una dichiarazione non veritiera, sostenendo che i fondi usati per coprire i costi dello spiaggiato sono da riferire all’anno 2016, essendo stati invece sostenuti nel 2017.

Si è voluto ribadire che l’amministrazione è in carica da soli 40 giorni e che c’è bisogno di tempo per poter dare i primi giudizi. Siamo d’accordo, a patto che dall’altra parte non ci si erga a maestrini.

P. S.
Per avere un’idea compiuta e concreta delle somme che sono a disposizione della nuova amministrazione, riepiloghiamo la consistenza di cassa dall’inizio dell’anno ad oggi:
Fondo Cassa all’ 1 Gennaio 2017 – Euro 554.104,19
Fondo Cassa al 3 Luglio 2017 – Euro 1.892.020,24 (polizza Spassopoli per 1,3 milioni)
Fondo Cassa al 28 Luglio 2017 – Euro 2.242.193,02 (€ 350.172,78 assicurazione contro i danni dal sisma attivata da noi)

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *